Racconto giallo

Il mistero di casa black

… continua.

nessuno accorre ad aprire, come Charlie e gli altri attenderebbero. Decidono così di cercare la finestra che hanno trovato la sera prima. Arrivano al lato della finestra: è alta poco più di quattro metri da terra; ora però non ha il vetro, rotto la sera prima da Sofia. Il muro è costituito da sassi, è infatti una casa molto antica e questo permette un più facile arrampicamento. Prova prima Charlie che sale senza problemi; è la volta di Giorgio che nella salita impiega ancor meno di Charlie. Poi tocca a Sofia che ci mette un po’ più di tempo: è una femmina e non è molto abile nell’ arrampicarsi. Restano solo Martino e il poliziotto Giacomo. Martino comincia a salire:- Attento – gridano in coro Giorgio, Charlie e Sofia , quando vedono che Martino sta scivolando e… cade;l a fortuna però l’ ha assistito e nella sua caduta è atterrato di gambe, non facendosi niente. Riprova così a salire con più attenzione e cautela e, alla fine, arriva dai compagni dentro la casa. Viene il turno di Giacomo, il poliziotto, questi impiega meno tempo di tutti perché, essendo poliziotto, è abituato ad interventi del genere. Tutti quanti nella stanza cominciano a guardarsi intorno. Al centro ci sono un tavolino tondo, divani posizionati male, una lampada a terra frantumata in mille pezzi e un tappeto messo malamente sotto al tavolo.
Sopra al tavolo Charlie nota una cornice dorata con il vetro rotto e sopra un capello rosso macchiato di sangue secco. Giacomo spalanca la porta che fa un cigolio; insieme scendono una rampa di scale e si trovano al piano inferiore: è una stanza semivuota, solo dei quadri rovinati ed un armadio di legno macchiato. Giorgio prova ad aprirlo, l’ armadio si apre a fatica e dentro Giorgio nota dei fazzoletti sporchi di sangue ed una ciocca di capelli rossi. Non fa in tempo a dire una parola che la porta si spalanca, si sente una risata beffarda… ed appare una figura vestita di nero. L’ unico particolare che si intravede sotto al cappuccio sono i capelli rossi. Alza la pistola, la punta contro i cinque che sono nella stanza e……

Continua tu

Francescoe Filippo , Seconda C

Questa voce è stata pubblicata in il mistero di casa black, laboratori. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Racconto giallo

  1. kiara185 ha detto:

    complimenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...