Racconto giallo

      Il  mistero di casa  black

… continua.

Il bambino sorride alla mamma però è anche pieno di curiosità, come il commissario che inizia a fargli delle domande.
– Cosa è successo mentre la mamma era via?
Federico, il bambino, risponde:
– Era sera,quando la mamma si è chiusa la porta alle spalle lasciandomi solo. Non l’ho più vista fino a oggi!
– Federico, hai avuto paura?
E il bambino con un’aria spaventata risponde:- Sì.
– Perché? Chiede il poliziotto.
– Intorno a mezzanotte mi sono infilato sotto le coperte quando ho sentito la porta che si  chiudeva; credevo fosse la mamma, ma mi sbagliavo: era un uomo grande e grosso. Per fortuna non mi ha visto, infatti mi sono nascosto sotto il letto e da lì vedevo che cercava qualcuno o qualcosa.
Poi, senza trovare nulla, sbattendo la porta è uscito, ma io sono riuscito a vedere un tatuaggio sulla caviglia: era una specie di drago.
Il poliziotto sconvolto dalla storia, decide di mettere sotto sequestro la casa di Giovanna e di farla tenere sotto controllo, insieme a Federico, da un suo assistente.
Un bel giorno…

Continua tu….

Francescaseconda c.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in il mistero di casa black, laboratori. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...