Racconto giallo

Il mistero di casa Black

… continua.

Appena riapre gli occhi Sofia si vede davanti i due suoi amici, Martino e Giorgio, allora dice:- Ma dove è l’assasino? È scappato!
– Ma cosa dici, Sofia, stavi dormendo. Risponde Giorgio.
– Ma allora era solo un sogno? Continua Sofia.
– Ma che brava!!! Cosa hai sognato? Risponde Giorgio.
– Che arrivava l’assassino qui e voleva i soldi  e che, non so come ha fatto, si è lanciato dalla finestra salvandosi!!! Ribatte Sofia.
All’ improvviso la porta si apre e i ragazzi intravedono Giacomo e lo salutano.
– Comunque mi ricordo una cosa, nel sogno io ho trovato un biglietto con scritto: Aereoporto Charles De Gaulle, magari è lì. Ma noooo, è solo un sogno!!!!! Dice Sofia.
– Ragazzi guarda che credo che i vostri genitori vi torneranno a prendere, ci siamo dimenticati che inizia la scuola!!!! Riprende Giacomo, il padre di Giorgio.
Ormai è tardi, circa mezzanotte e i ragazzi vanno a letto, ma Sofia visto che ha dormito prima, guarda alla televisione un film romantico e i ragazzi non riescono a dormire perché si sente Sofia piangere.
Dopo mezz’ora riescono ad addormentarsi.
Il giorno dopo i ragazzi vanno a fare colazione al bar " Le Croissant" e …

Continua tu…

Francesco , Estelle , Sara , Chaimè  di Seconda A.
Luca , Joshua, Alexandra , Chiara , Maddalena  di Seconda B.

Questa voce è stata pubblicata in il mistero di casa black. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Racconto giallo

  1. anonimo ha detto:

    Che bello questo giallo, andando avanti diventa sepre più bella!
    Luca, classe seconda B.

  2. anonimo ha detto:

    dici sul serio, a me non sembra!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...