I Promessi Sposi

Riassunto cap. III

Lucia entra nella stanza dove Renzo ed Agnese fino a quel momento stavano parlando ed ora si volgono a guardarla. Aspettano che essa, finalmente, si decida a parlare. Lucia dice:
– Chi poteva immaginare che le cose potevano andare così?
Con voce rotta dal pianto, comincia a raccontare come, qualche giorno prima, mentre tornava dalla filanda, ed era rimasta dietro le sue compagne, aveva incontrato don Rodrigo, in compagnia di un altro uomo. Don Rodrigo aveva cercato di intrattenerla, con chiacchiere non molto belle, ma lei, senza dargli retta, aveva affrettato il passo, raggiungendo le compagne. Intanto, aveva sentito ridere l’uomo e don Rodrigo dire:
– Scommettiamo?
Il giorno dopo, sempre sulla strada di ritorno dalla filanda, si ripresentano dinnanzi a Lucia i due uomini, incontrati il giorno prima. Questa volta, però, Lucia é insieme alle sue compagne e i due uomini non le rivolgono la parola, limitandosi solo a sghignazzare tra di loro. Subito dopo l’incontro, Lucia va da padre Cristoforo a confessarsi e raccontargli l’accaduto. Agnese, domanda alla figlia:
– Hai fatto bene a raccontare tutto a Padre Cristoforo, ma perché non anche a me?
Lucia aveva avuto delle buone ragioni: la prima, per non rattristare e spaventare la buona donna; la seconda, per non far viaggiare per molte bocche una storia che voleva essere gelosamente sepolta, tanto più, che sperava che le nozze, si sarebbero celebrate comunque. Agnese chiede, curiosa, di sapere se il Padre avesse trovato una soluzione al problema dei due giovani:
– Che cosa ti ha detto Padre Cristoforo?
– Mi ha detto di affrettare le nozze il più che potevo e di pregare il Signore. 
A queste parole, Lucia scoppia a piangere. Dopo un attimo di silenzio, Agnese, rivolgendosi a Renzo dice:
– Vai a Lecco, cerca il dottor Azzeccagarbugli, e raccontagli l’accaduto. Ma per l’amor del cielo, non chiamarlo così: é un soprannome. Bisogna dire signor dottore. Portagli quei quattro capponi, a cui dovevo tirare il collo per il banchetto di domenica. Di sicuro lui ti saprà consigliare!
Renzo accetta ben volentieri l’idea di incontrare il dottor Azzeccagarbugli e si mette in cammino per Lecco, con i quattro capponi in una mano. Arrivato alla casa del dottore, entra in cucina, dà alla serva i quattro capponi e si dirige nello studio di Azzeccagarbugli. Si accomoda su un seggiolone e  comincia a dire:
– Vorrei sapere, da lei che ha studiato, se a minacciare un curato, perché non fa un matrimonio, c’è penale.
A queste parole, però, il dottore si fa un’idea sbagliata di Renzo, considerandolo un "bravo", che vuole impedire un matrimonio, e quindi minacciare un curato. Renzo, però, capisce il malinteso e cerca di spiegare ad Azzeccagarbugli che il danno lo hanno fatto a lui. Le sue spiegazioni non servono a nulla, perché il dottore, appena sente il nome di don Rodrigo, manda via malamente Renzo, il quale é costretto a tornare a Como, senza nessuna soluzione ai suoi problemi. Le due donne, intanto, ricevono la visita di fra Galdino, a cui Lucia chiede di avvertire Padre Cristoforo che lei ha una grande fretta di parlargli, ma che non può muoversi di casa, quindi venga lui al più presto. Poco dopo, Renzo, di ritorno dalla sfortunata spedizione, viene informato dalle due donne della nuova possibilità di aiuto da parte di Padre Cristoforo. Il giovane si aggrappa, con tutte le sue forze, a questa nuova speranza e si allontana nel buio della notte.

Commento: questo brano mette in risalto il grande grado "di miseria morale" della figura dell’ avvocato: infatti, a lui, in realtà, preme di assicurarsi il favore di don Rodrigo e un posto alla sua tavola. Non importa se per questo egli debba calpestare la giustizia di cui dovrebbe essere servitore e garante.

Alexandra.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in i promessi sposi. Contrassegna il permalink.

3 risposte a I Promessi Sposi

  1. libroaperto ha detto:

    e’ poco che abbiamo cominciato a leggere il romanzo storizo "I promessi sposi" e a me personalmente piace molto!!
    Sara IIIB

  2. anonimo ha detto:

    Che storia commovente!! Mi viene da piangere!!!BRAVI!!Grazie alla professoressa MARIA LUISA NECCHI che vi  ha messi tutti in riga, se no addio promessi sposi!!!!!!!!!!
    Da Diego e da Lorenzo amanti della 3B

  3. anonimo ha detto:

    Complimenti bellissima!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Daniele 1 B.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...