Barsin…

Da "La Crësa" di Bruno Necchi:

Barsin
(continuazione).

… continua.

La festa più bella però era San Genesio e San Taransian, che dall’alba a mezzanotte, faceva avanti e indietro e la sosddisfassione era dare la polvere ai buoi e alle vacche che andavano  in fila l’una dietro l’altra lente e silensiose. Come i contadini vedevano rivarlo prendevan su le panere piene di tortelli, arrosti, polastri e li coprivano e si mettevano al sicuro nelle ciudënse e negli alberi del piano di Mignegno. Dopo che era passato il terremoto, i contandini uscivano e chiedevano al Santo la protezione almeno fino alla chiesa. Invecchiando il cavallo era più mattarlano e un giorno sono passati alcuni ragazzi sulla carrozza con lui e passando davanti al Cafè di Ciüì si voltano e taccano a urlare a delle giovanotte e il cavallo incuriosito si volta per vedere anche lui ed infilasi nella bottega di Uccellotti e scaraventa tutto per aria, orologi, pendoli, sveglie che pareva il finimondo. Il padrone levasi gli occhiali, rimbragasi la camicia e buttasi verso il cavallo per dargli una lessione.
Barsin, vista la mal parata, buttasi indietro e infila il ponte di sasso a gran carriera e pareva che volava. Il padrone vedendo Barsin in corsa prendilo a frustate. Si è fermato solo al giarun d’Faltera
. Dopo mentre Barsin portava a casa il cavallo, s’accorge che ha le orecchie calde e allora capisce che ha la febbre e lo sente tossire.  Si ferma un po’ ma poi riparte ed inizia ad accompagnare a casa gli scolaretti. Dopo cominciavano a passare tante macchine a cui Barsin lanciava imprecazioni.
Un giorno il cavallo ha cessato di star male ed è morto, come anche qualche anno dopo il padrone:

Allora mi pare che ormai San Pietro l’ha preso su in Cielo e ci ha regalato un bel cavallo bianco, di quelli che non pigliano la tosse e non hanno mai bisogno di biada. E una bella carrossa scoperta, tutta dorata, con in cima tanti bambini che tornavano da squola contenti. E lui in piedi con frusta schioccante e le redini in mano che grida:- Forsa, Barsin, fat vedar chi tsè! (B. Necchi).

(Qui sotto l’inizio).

Fabio, primab.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in racconti brevi, racconti di bruno necchi, territorio e folclore. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Barsin…

  1. anonimo ha detto:

    BRRAVO FABIO???
    ADMIR

  2. anonimo ha detto:

    Questo è veramente un bel racconto!!! Mariachiara , prima B.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...