Racconto di avventura

I MISTERI DEL SUDAFRICA

… continua.

Stevenson, sempre con la radice, riesce a fermare la statuetta, aspettando che tutta l’acqua defluisca. La corrente è molto forte e Stevenson fatica a resistere. Per fortuna poco a poco la pressione dell’acqua diminuisce e i ragazzi possono muoversi di nuovo. Tom si precipita a raccogliere la statuetta che sta per cadere. Alice guarda Stevenson stupita e esclama: – Grazie!!! Chi sei?
– Adesso non c’è tempo di parlare! Venite su!
Il gruppo si arrampica sulle radici e ritorna in cima alla cascata.
– Ok, basta con i giochetti, – esclama Sharon appena arrivati – chi sei?
– Agente Stevenson, sono in missione… risponde l’uomo.
– Qual’è il tuo obbiettivo? Domanda Alice.
– Scortarti a casa e…
– Catturarmi! Esclama Steve estraendo una pistola e puntandola contro il gruppo.
– Steve, non fare scherzi! Dice Tom impaurito.
– Io non mi chiamo Steve! Urla quel ragazzo che ad Alice era sembrato così timido
– Siete un branco di creduloni, ed è stato facile ingannarvi! Sono stato a rubare la mappa agli Ksu e poi ho mentito a quel tonto di Morgan dicendogli che era un regalo per mio nonno. Ci siamo nascosti al forte di Worcester dove egli costudiva degli oggetti preziosi. Gli indigeni ci stavano per trovare, quando siete arrivati voi e ci avete salvati.- Spiega il bandito – Adesso datemi la statuetta e tolgo il disturbo.
Il ragazzo è agitatissimo e gli trema la mano con cui tiene la pistola. Alice gli passa la statuetta di cristallo ed ecco che sente un rumore: un elicottero si sta avvicinando.
– Addio, John! Dice poco prima di lanciarsi nel vuoto per poi riapparire a bordo dell’elicottero.
Stevenson esclama: – Non aspettatemi!
L’agente corre verso l’elicottero e salta anche lui, ma riesce a raggiungere solo la scaletta che pende dall’elicottero. I ragazzi restano a guardare fino a che la figura di John appena salito sull’elicottero, non sparisce all’orizzonte.

Continua…

Mirco , Nicolò , Michelangelo , Giacomo , Terza B.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in i misteri del sudafrica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...