A Padre Antonio

Caro Padre Antonio, 
come sta?
Qui a Pontremoli va tutto bene, anche Lucrezia, sua nipote, sta bene.
Qualche settimana fa, in Italia è arrivata la primavera. Questo è stato un mutamento molto profondo per il nostro clima, la nostra fauna e la nostra flora. Diversi animali si sono risvegliati dal letargo; molti uccelli che erano migrati al Sud per andare a vivere in Paesi caldi sono tornati in Italia. Anche la natura si è risvegliata da un lungo e gelido inverno, dando vita a piante e fiori che arricchiscono il paesaggio primaverile. Tra i rami di molti alberi si cominciano a intravedere i primi nidi.
Dopo aver vissuto un inverno molto freddo, finalmente la temperatura esterna si è riscaldata. In questo periodo stiamo cominciando a vestirsi in modo più leggero, rispetto a quest’inveno. Molte persone non usano più i giubotti pesanti. Qui a Pontremoli sembra proprio sia arrivata la tanto attesa Primavera!
Mentre lì nella Repubblica Centrafricana com’ è il clima? In questo periodo ha subito qualche mutamento?

Noi ragazzi di terza media ci stiamo preparando per andare ad affrontare l’esame. Abbiamo molti argomenti di tutte le materie da ripassare. A Pontremoli la scuola chiude il giono 12 giugno e gli esami inizierano dopo pochi giorni. Noi alunni stiamo aspettando con ansia e timore questo avvenimento, molto importante per la nostra vita.
Un’altra scelta importante è quella delle scuole superiori. Ognuno di noi ha deciso di andare in una scuola adatta alle sue potenzialità e capacità.
Sara e Joshua.

Caro zio,
come stai? Io e la mia famiglia domenica scorsa, ci siamo recati in chiesa alla messa in Duomo. Una volta usciti, siamo tornati a casa, dove mia sorella Martina e mio fratello Tommaso si sono messi a fare i compiti. Dopo poco tempo, la mamma ci ha chiamati per andare a mangiare. Abbiamo mangiato le patatine fritte, il pollo arrosto, l’insalata e la frutta. Nel pomeriggio abbiamo finito di fare i compiti e alle ore quattro simo andati a fare una passeggiata nei Chiosi. Spero di rivederti molto presto. Ciao zio. Ti voglio bene.

Tua nipote Lucrezia.

Un saluto particolare anche da tutti gli alunni della classe III B e dalla Professoressa M. L. Necchi.

Questa voce è stata pubblicata in missione padre antonio. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...