Ho letto un libro

Alla Stazione di Omsk

Titolo: Alla Stazione di Omsk
Autore: Maria Luisa Valenti Ronco
Casa Editrice: DeAgostini
Anno di stampa: 1993
Argomento (riassunto): Il libro narra delle avventure di Vladimir e Dimitri che scappano dall’ orfanotrofio, perché Vladimir, il protagonista, scopre delle cose che riguardano il suo passato, come sua madre e che poi diventerà il suo amuleto. Così scappano con l’aiuto di Alex, che gli presta la sua barca per andare a Vladivostok, ma la nave s’incaglia nella sabbia, così scendono per cercare aiuto ed incontrano una vecchietta chiamata la Babaiaga. Scappano da lei e li trovano la Polizia che li riportano al loro orfanotrofio. Una sera, decidono di riprovarci e ce la fanno: prendono il treno per Vladivostok, ma si accorgono di non avere più soldi, allora rubano una borsa alla vera madre di Vladimir, anche se loro non lo sanno. Allora la madre, prima di vedere i nomi, dice che dovrebbero andare in prigione, ma quando scopre che Vladimir è suo figlio lei non glielo dice, ma gli fa una promessa che quando tornerà da Vladivostok lei sarà li ad aspettarlo.
Protagonisti: Vladimir e Dimitri
Altri personaggi: Alex, la polizia, la Babaiaga, Olga e Tamaki
Genere: Avventura

Lorenzo seconda B

Questa voce è stata pubblicata in recensioni di libri. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...