Diario di una giornata.

Capodanno.
 

Il giorno 31 dicembre 2010 l'ho trascorso benissimo, in compagnia e nel calore della mia famiglia.
Durante il corso della settimana ho svolto il mio dovere, ho studiato, fatto chiacchiere e pranzato dalla nonna Bruna, che mi ha preparato un'ottima pasta al pomodoro e un pollo molto saporito e perciò speciale.
Nel pomeriggio ho deciso di uscire con i miei amici e di scoppiare alucuni petardi insieme.
Verso le sette di sera attendevo con ansia  e felicità il ritorno della mia amica Roberta che tornava da Roma dove, ha trascorso insieme alla sua famiglia  una vacanza indimenticabile.
Quando Roberta è tornata subito in noi si è scatenato un abbraccio profondo, segno della nostra amicizia ormai stabile da molto tempo.
In seguito mi sono diretta verso casa, ho fatto un bagno caldo e rilassante, mi sono vestita e, tutta contenta e sodisfatta mi sono recata, con i miei famigliari e alcuni mieie amici (fra cui Margherita) in un ottimo ristorante sede nella notra piccola cittadina.
Con ansia e attesa ci siamo seduti nel nostro tavolo vicino al camino. Il fuoco scoppiettava, facendomi ricordare con malinconia i fuochi di artificio svolti l'anno precedente. la legna bruciava lentamente e una musica di sottofondo rendeva la serata perfetta ma in particolare incantevole.
Noi bambini abbiamo velocemente  cenato in seguito ci siamo recatio nel cortile del ristorante per preparare i fuochi da noi comprati l'anno precedente.
Ad un certo punto un piccolo campanello suonò e vidi volare un tappo di spumante, come un uccello appena nato.
In quel momento provai mollte emozioni, sapevo che un nuovo anno stava per iniziare e ero felice, pensavo di poter vivere quello che ho vissuto l'anno precedente ma pretendevo qualcosa di più….
Salutati i proprietari e il nostro cameriere preferito Andrea abbiamo deciso di recarci in Piazza della Repubblica dove, ho incontrato alcuni miei amici che scoppiavano petardi e si scambiavano gli auguri.
Infine verso le tre di notte sono tornata a casa, ripensando all'anno vissuto precedentemente e con il ricordo nella mente dell'ultimo giorno trascorso felicemente nel 2010.

Mariachiara, seconda B.

Questa voce è stata pubblicata in diari. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...