Racconto di avventura

Il buco nella cascina

– Forza ragazzi, prima che torni la nonna, andiamo a farci un giro nei boschi. Urla Angelo. I cinque cugini partono all'avventura. Ormai è finita l'estate e Angelo, Irma, Anna, Maria e Rosa si trovano dalla nonna Annunziata in campagna, dove aspettano un po' impauriti. È il 31 Agosto.  La nonna Annunziata è andata a fare la spesa, perchè deve preparare il pranzo per il giorno dopo, quando festeggeranno San Terenziano. Salgono la collina di proprietà della nonna ed iniziano a girovagare lì intorno; Irma si sfila dalla tasca della gonna una borsa di plastica e raccoglie dei funghi. Gli altri osservano le piante e cercano di indovinare quanti anni abbiano. Ad un tratto, si sente un forte grido: Venite a vedere, forza! Irma ha visto una vecchina che raccoglie delle fascine per l' inverno. Arrivati gli altri, i cinque ragazzi iniziano a intavedere una cascina. Giunti lì davanti entrano. (Secondo me non ci sarebbe stato da fidarsi anche perchè non ci si fida degli estranei, i cugini entrano). Nella cascina trovano per il loro grande stupore una magnifica stanza arredata con mobili antichi e quadri. In centro alla stanza c'è però un buco. I ragazzi si avvicinano e vedono una vecchina che piange. La salutano e le chiedono che cos'è successo. Lei racconta: – Mi chiamo Giulia ed ho 93 anni, vivo da sempre qui, anche se ora ci abita una strega cattiva, per uscire di casa si trasforma in me. Attenti sta arrivando. I cinque protagonisti si nascondono allora sotto il letto. Arriva la strega che si trasforma in Giulia ed esce. I ragazzi ce la fanno ad uscire e promettono a Giulia che la salaveranno. Sicuri per la loro impresa, risalgono la botola ed escono dalla cascina. La strega sta raccogliendo dei "pëti" per delle pozioni. Angelo le dà una spinta e la fa cadere a terra. Le altre invece prendono un bastone per una e gliele suonano di santa ragione, facendola svenire. Ecco che la strega si risveglia e siccome il suo potre viene dalle ricce verdi dei castagni, lei, nell'avvicinarsi, sbaglia e tocca delle ghiande. I ragazzi le tirano una sassata e lei muore. Corrono nella cascina e liberano Giulia che li segue. I giovani non sanno però che Giulia è la zia della loro nonna ed è creduta morta da tutti. Ecco che finalmente arrivano alla casa. Fanno accomodare Giulia nella poltrona d'ingresso. Arriva poi la nonna con la spesa, che si mette ad urlare di gioia. Zia Giulia e la nonna si abbracciano, mentre i ragazzi si guardano perplessi. Allora la nonna racconta che Giulia è la sorella della sua cara mamma Paola ed è perciò sua zia. I ragazzi pranzano e poi la zia racconta come è andata la sua vicenda con la strega: – Ero fuori a raccogliere delle fragoline di maggio e ho visto una donna. L'ho accolta nella mia casa e lei mi ha immobilizzato. Mentre la nonna consola sua zia, i ragazzi pensano alla scuola che da lì a poco inizierà.

Fabio, seconda B .
 

Questa voce è stata pubblicata in racconti brevi. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Racconto di avventura

  1. mvb ha detto:

    Spero che ora Giulia sia salva *__*

  2. one direction ha detto:

    bellissima!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...