Documenti diretti

All' Archivio di Stato di Pontremoli:
 Libro delle confische 

Questa mattina in classe abbiamo letto la fotocopia di un antico inventario di un signore di "Barcola" in Valdantena, in seguito ad un omicidio di un terzo di "Groppodalosio" di Casalina.
Inizia con la cucina dove si può notare come si faceva da mangiare a quel tempo. In particolare vengono messe in evidenza alcune cose che erano nella stesa cucina: due scranne, dei paioli, un alaro, due testi di terra.
Poi si passa ad altre due stanze, una dove vi sono: una catinella, una pala da forno ed un groppo (trivella); nell' altra stanza vi erano una credenza, dei piatti e delle scodelle, un boccale di terra, una panca, un tagliere, un'Ambrogio…un'altra stanza ancora era una camera da letto; vi erano: una "matarassa", delle lenzuola, delle camicie di canapa e di lino (da uomo e da donna), una tovaglia, una lettiera di castagno, un grembiule… un Agnus Dei, dei "pater nostri" con grane finte, alcune collane di perle e corallo finti, due corone di vetro, alcune forbicine, uno scosale di tela turchina…; in un'altra stanza, circa venti quartari di farina in uno scrigno di legno, un bagnolo contenente tre quartari di biada, un soglio, uno scrigno, un'altra cassa con quattordici quartari di fave, un'altra con dentro delle camicie, due spade senza fodere, una pietra da olio vuota, dei piatti.
In un'altra stanza ancora un mucchio di scodella di circa quattro quartari, altri mucchi di granaglie, un pezzo di lardo di circa 10 "pesi", una pala, una tavola, una paniera, un "cavagno", due bigonci, una cassettina di noce contenente  diversi scritti. In un'altra camera, un ferro da "segare" (la falce), una cassa di "albarela", un peso circa di canapa, una lettera col pigliaraccio… in un'altra stanza quattro "mesore" (falcetti), un'immaginetta della Madonna e l'acqua benedetta, una lucerna d'ottone ed un tagliere piccolo; in un' altra stanza  dei materassi, dei vetri, un " maraccio", un paio di calzoni di tela, una "rombecola"…, in un solaio trenta doghe da botte, un bagno di "lardi", due "cune", una fune da buoi, una pelle scorticata di pecore, in un'altra cucina cento aste per la "grà" da seccare le castagne. In una stalletta: un "paniere", un "sgurcello", una falce; in cantina: una tina da venti barili  con dentro circa venti quartari di grano, tre secchielli, un "vallo", una scala…, in una stanza della cantina: due tine nuove, tre botti di tenuta di quattordici barili circa e un'altra di tenuta dieci barili, un "bagnolo" grande, un "imbottadore", due "cavagne" piene di lana di circa due "pesi", un barilotto d'aceto nuovo, una seggiola di paglia "grama". Nella cascina: "strame" di più sorte di circa venti "volade" di circa sedici pesi l'una; in una cascinetta: "palia di vena" di circa una volada di sedici pesi. Nella stalla: un paio di manzi di tre anni di razza "Chianina" di valuta di circa quarantaquattro "ducatoni", in una cascina vicina due volade di circa sedici pesi e del fieno. In un'altra stalla: circa trenta "manne" di "manciglio" per bestiami, quattro "manelli" di "canepa" di "canugli"; in altra stalla: quattro animali "porcini" di valuta di circa "una doppia l'uno", in un'altra stalla: trenta pecore. Fuori di questa stalla: due "aratri", una "treggia", in una piccola stanza da stalla non vi è nulla; in altra stalla: due "mangiatore" da pecore, sopra questa stalla: trecento manne di "vancigli" da bestiame. In un'altra stanza: circa quattro "quartari" di calcina e un "bigoncio" per ossa, fuori di questa stanza: dieci pezzi grossi di tavoloni di castagno. In un' altra stanza : fieno da venti "valade" per sedici "pesi" circa. Nell'aia: due treggie; in un'altra stanza: un "bagusso", in un' altra stanza: di volade di bagusso o pagliume, sotto questa stanza: cento manne di "brocche" o "frasconi".

Da tutto questo si può apprendere come si viveva all'epoca, le cose che c'erano nelle abitazioni, l'educazione profondamente cristiana e le pene che c'erano in seguito ai delitti per le quali, da quanto si legge in questo documento, per un omicidio viene confiscato tutto.
Fabio, seconda B.

Questa voce è stata pubblicata in adolescenza, diari, eventi, schede di storia geografia, territorio e folclore. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...